Passa ai contenuti principali

Recensione Loser. La strega del fuoco di Momo Gatari


  «Loser. La strega del fuoco» si presenta come il seguito di «Loser», scritto da Momo Gatari ed edito da Linee Infinite Edizioni. In questo spin-off in esclusiva ebook, ritroviamo come protagonista un personaggio minore dell'opera precedente, Ginevra, la più piccola delle sorelle Pardini, ma anche la più divertente delle due.
  Eccentrica, imbranata, fantasiosa, la studentessa otaku di terza media non manca di essere soggetta a continui scherzi da parte dei suoi compagni di classe, ingrati dei suoi tentativi di portarli alla scoperta di sarcofaghi nei seminterrati della scuola.
  Ad accompagnarla nelle sue disavventure e nei suoi imbarazzati, e imbarazzanti, approcci ad Arturo, ci saranno i suoi amici virtuali e la compagna di classe Mei, una ragazza d'origine cinese anch'essa tredicenne.
  Ma quando viene a conoscenza della sua nuova vicina di casa Selene e del suo gatto nero Fuliggine, nomi evidentemente da strega e da famiglio demoniaco, capisce che la sua ora di rivalsa è finalmente arrivata. Riuscirà a farsi aiutare a riprendere il suo Arturo dalla sorella Elsa?

  L'episodio side story di «Loser. La strega del fuoco» non si è rivelato meno interessante della trama principale di «Loser», pur essendo stato sviluppato come suo filler. La leggerezza della storia e dello stile di scrittura imperniato di dialoghi, non deluderà i gusti dei ragazzi più giovani e di quelli che hanno già letto il primo volume della serie.
  Colpisce particolarmente nel romanzo oltre a Ginevra la figura di Selene, donna misteriosa e cinica, o "tsundere" se vogliamo prendere in prestito un termine dal mondo manga ed anime. Un'artista anch'essa con un passato di incomprensione e conflitti con i genitori, che rivede nella ragazza un barlume di innocenza della sua giovinezza persa, e alla quale si è eventualmente affezionata e prodigata dissimulando comunque i suoi reali sentimenti.
  Il sapore dolceamaro di un addio non detto e il non troppo inaspettato risvolto comico dell'ultima pagina, lascia spazio ad un seguito che speriamo arrivi con tutto il cuore al più presto.

Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione Aeon e White di Gumitien (Angela Vianello)

Ho conosciuto Angela Vianello-alias Gumitien-ed il suo lavoro credo quasi come tutti voi attraverso il suo anime White su YouTube, trovato a caso in un giorno di noia su internet. Mi piacque subito molto e lo vidi in poco tempo. Quando poi scoprii che aveva fatto anche un manga ispirato ai suoi personaggi, Aeon, mi affrettai subito ad acquistare il volume 1 alla prima libreria che conoscessi che lo avesse, non esitando ad investire i miei soldi in una delle poche opere italiane degne d'interesse. Lo finii presto, e già allora sentivo il bisogno di dire qualcosa su di essa, ma aspettai per il momento perché non me la sentivo.    Il secondo volume, ok lo ammetto, l'ho letto nella stessa libreria dove acquistai il primo scroccando in un angolino nascosto dalla vista dei commessi nell'estate scorsa, dove sicuramente non avevo nulla di meglio da fare che fare avanti e indietro da casa spendendo l'intera giornata in libreria.   Ora che è appena uscito il terzo, ma che purtro…

È giusto chiamare ancora Kira il Light Turner del film Netflix Death Note (2017)?

Nella serie originale di Death Note, Light viene soprannominato Kira perché è questo il modo in cui i giapponesi trascrivono la parola “killer”, in inglese assassino.
  Ora che la storia principale è ambientata negli USA però, non avrebbe senso mantenere il nome con cui lo chiamavano in Giappone, essendo i criminali e i seguaci nipponici di Kira solo una minima parte della popolazione mondiale. Nel trailer però vediamo proprio la scritta insanguinata "Justice of Kira" impressa sulla parete di un locale gestito da un cartello della yakuza, la mafia giapponese, che è stato appena giustiziato da Light, confermando così il nome del suo alterego.


  Possibile quindi che Light Turner abbia iniziato i suoi omicidi di massa in Giappone, come la sua controparte giapponese? Io però ho una teoria più interessante.
  Il nome Kira infatti, può costituire la forma anglicizzata del nome celtico-irlandese Ciara (che si legge “Chiara”), che significa "nero", "oscuro", d…

Pensieri su Death Note Netflix film 2017 live action remake americano

Ok. So che questo articolo genererà molto flame, ma volevo esprimere la mia opinione.
Quando ho finito di vedere il drama di Death Note 2015, (che a proposito è molto bello, vedetelo, se non siete troppo schizzinosi nell'accettare alcuni cambiamenti) era stato annunciato nei titoli di coda che nel 2016 sarebbe uscito il film sequel della trilogia cinematografica di Death Note 2006, questa volta con ben sei Death Note, e non vedevo l'ora che uscisse. Poco dopo lessi la notizia che una produzione americana aveva ingaggiato Nat Wolff come protagonista per la loro versione di Death Note. Pensai all'inizio preoccupato che si trattasse dello stesso film, ma notizie e trailer successivi mi fecero capire che si trattavano di due film differenti e che quest'ultima sarebbe uscita invece nel 2017.
Cercando su Google i film di Adam Wingard, dopo che scoprii che era a regia del film, ho sentito un irrefrenabile bisogno di correre a chiamare Yotobi per chiedergli di fare una recensi…